Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi


Lascia un commento

Dichiarazioni di Nasrallah dell’ 8 maggio – la rete e la destituzione di Choucair

Traduzione dell’articolo  dell’Orient Le Jour del 9 maggio 2008Il segretario generale di Hezbollah denuncia una “dichiarazione di guerra” del “ governo di Joumblatt” 

Nasrallah: “Utilizzeremo le armi per difendere….le nostre armi”Il segretario generale  di hezbollah, hassan nasrallah, ieri ha reclamato l’annullamento delle misure decise dal Consiglio dei ministri per l’avvio di un’inchiesta  sulla rete di comunicazioni del partito di Dio e destituire  il capo della sicurezza dell’aeroporto., il brigadiere Wafic  Choucair. Ha sottolineato  che queste misure costituiscono una “dichiarazione di guerra”  contro la “Resistenza” da parte del governo di “Walid Joumblatt” e che Hezbollah si impegna a tagliare la mano  a chi vuole colpire la Resistenza. Assicurando che il suo partito non cerca di fare un colpo di stato, afferma che “utilizzera’ le armi per difendere le sue armi.”“Le decisioni del potere, in occasione della sinistra seduta (di lunedi’), hanno fatto entrare il Libano in una fase nuova”, ha dichiarato in occasione di una conferenza stampa.Si e’ sforzato di giustificare il possesso da parte di Hezbollah di una rete telefonica di comunicazioni, sottolineando che tutti gli eserciti del mondo hanno bisogno di comunicazioni e’ il primo fattore di gestione di una battaglia e di una vittoria” ha detto.“ Come resistenza non abbiamo tecnologie avanzate , ci orientiamo verso tecnologie semplici” Ha spiegato che la rete  consiste in “una centrale, e una serie di linee divise tra responsabili e la resistenza”“Quest’arma e’ la piu’ importante  in tutte le battaglie. .“Gia’ prima del 2000 era ‘arma piu’ importante per la Resistenza ed e’ stato lo stesso nel 2006”  .“Tutti sanno che la rete esiste da  prima del 2000. Non e’ nuova. Quando si trovavano con noi nell’alleanza quadripartita, questa rete non era un attentato alla sovranita’ del Libano?”Secondo lui, vi sono state discussioni in merito  tra Hezbollah e I responsabili dei servizi di sicurezza. “Ci hanno detto che e’ stato tesoun cavo  tra la periferia sud  e Beirut  durante la guerra di luglio. Tagliatelo. E noi l’abbiamo tagliato.’Piu’ tardi ci hanno   rimproverati di voler installare una rete a Jbeil e Kesrouan, e’ falso come nel Libano del nord. “Secondo lui chi ha mentito per 25 anni continua a mentire”, ha dichiarato, alludendo a Walid Joumblatt.Ha proseguito dicendo: “ Ci e’ satto detto in seguito di togliere il sit- in dal centro della citta’, chiudiamo gli occhi sulla rete. Se avessimo accettato questo compromesso non sarebbe piu’ un attenato alla sovranita’ del Libano?”si chiede Nasrallah.Per hassan Nasrallah, “Fouad Siniora non e’ che un povero funzionario di Walid Joumblatt, che a sua volta non e’ che  un funzionario di Condoleezza Rice” “E’ dunque  il governo walid joumblatt che ha deciso il confronto. Per lui le misure prese dal Governo costituiscono “ una dichiarazione di guerra da parte  di Walid Joumblatt, al servizio  degli Stati Uniti e di Israele”dichiarazione mira alla  distuzione il piu’ importante elemento di di protezione della Resistenza. Mira inoltre  a mettere faccia a faccia l’esercito e la Resistenza, dopo il fallimento di tutti I tentativi precedenti.”Una base di Mossad“Di fronte a chi ci vuole distruggere, e’ un nostro diritto difenderci, anche se e’ un fratello” ha proseguito Nasrallah.”Ho gia’ detto che taglieremo la mano di chi cerchera’ di attentare alla Resistenza. La guerra e’ cominciata ed e’ il nostro dovere difendere la Resistenza” ha dichiarato ancora, aggiungendo che “ tutte le linee rosse sono state superate.”Riguardo all’inchiesta  sulla rete, il leader Hezbollah  ha affermato che accettera’ di rispondere  in merito alle domande in un giudice”Anch’io, deposerei lamentele contro queste persone, accusandole di  servire gli interessi di Israele e degli stati Uniti”. Siamo in una nuova fase, quella che vuole fermarci. Siamo noi che li fermeremo”Scagliandosi contor  il capo del PSP, ha detto” Joumblatt e’ un bandito. Lo riconosce lui stesso. E’ un bugliardo e un assassino. Ed e’ lui che governa il paese.’ Infine , riguardo al brigadiere Choucair, Hassan Nasrallah ha indicato che quest’ultimo non e’ Membro ne’ di Amal ne’ di Hezbollah. “E’ un figlio dell’esercito”.“In verita’, quello che vogliono, e’ mettere le mani sull’aeroporto. Si vuole trasformare l’aeroporto di Beirut in una base  dell’FBI, della CIA e di Mossad. Choucair e’ un ostacolo a questo progetto. E’ per questo che lo vogliono destituire, e non per una volgare storia di videocamere come vogliono far credere a tutto il paese.”ha detto riconoscendo anche  l’implicita esistenza di una sorveglianza. “molto semplicememnte, noi non possiamo sopportare una base CIA e di Mossad nelle nostre vicinanze.”“Il brigadiere Choucai restera’ al suo posto e un’altro sara’ l’usurpatore” .Difendendosi di volersi lanciare in una guerra ha ripetuto: “ E’ un autodifesa, non ci uccideranno piu’. Nessuno tocchera’ le nostre armi”. Allo stesso tempo si e’ dichiarato “pronto al dialogo”. La soluzione secondo lui e’ l’abrogazione delle misure prese dal governo lunedi’ e l’accettazione dell’iniziativa di Nabih Berry”. “Non e’ un colpo di stato. Non e’ il caso di offuscare l’opinione araba o islamica. Noi siamo piu’ preoccupati per  una guerra sunnito-sciita. C’e’ una battaglia tra le forze nazionali e di agenti americani”, ha annunciato.“Noi non utilizzeremo mai le armi al nostro interno” ha assicurato, contraddicendosi subito aggiungendo “Ma le armi saranno usate per difendere le armi”. 

Il capo del PSP sostiene l’iniziativa di hariri e si appella alla cessazione delle ostilita’Joumblatt:  Quello che accade e’ assurdo e noi non useremo le armi 

Il capo del PSP Walid Joumblatt, ha affermato, in risposta alle accuse formulate contro di lui dal capo Hezbollah, che “non e’ la prima volta che mi si qualifica in questo modo perche’ I partiti totalitari non accettano che non ci si sottometta a tutte le loro  esigenze.” Quanto alla rete  telefonica Hezbollah, il polo della maggioranza ha affermato che  “Il generale Michel Sleimane e‘ un esperto in materia, oltre ad essere Capo dell’Esercito”.”E’ necessario eleggerlo alla presidenza e ci sapra’ dire se la rete di Hezbollah e’ amministrativa o militare”, ha ugualmente  aggiunto  in occasione di una intervista  all’LBCI.“Conosco il prezo della violenza. E so che quello che accade oggi e’ assurdo. Ho dato ai membri del PSP l’ordine di difendere unicamente le abitazioni  se cercano di occuparle. Noi non aggrediremo nessuno. Difenderemo unicamente le nostre case. La patria e’ piu’ importante del PSP, Hezbollah e tutti I partiti” ha dichiarato  Walid Joumblatt.Il deputato dello Chouf ha ugualmente  affermato che “non si deve dubitare in nessun caso dell’esercito”. “Si devono cessare i combattimenti, e aiutare le truppe a fare il loro lavoro. L’esercito che ha aiutato la Resistenza durante la guerra di luglio non e’ in una situazione di disagio.(…)Io continuero’ a dialogare con il presidente della camera Nabih Berry e sostengo I propositi del deputato Saad Harir” ha sottolineato.“Non sapevo che il col. Wafic  Choucair fosse cosi’ importante e meritasse il blocco dell’aeroporto. Non ho minacciato di ritirare i miei ministri dal governo nel caso in cui non fosse stato  rilevato dalle sue funzioni. Mi appello a Hassan a prestare ascolto ai saggi iraniani, come Mohammad Khatami, che si e’ pronunciato contro la violenza” ha concluso Walid Joumblatt.


Lascia un commento

Quale tipo di uranio e’ stato rilevato tra le macerie in Libano: naturale, arricchito o impoverito?

 

 

U R A N I O

 “L’uranio è uno dei 92 elementi chimici presenti in natura.
Gli atomi di ogni elemento, uranio compreso, hanno sempre lo stesso numero di protoni, ma possono avere un diverso numero di neutroni.
Questi atomi vengono chiamati isotopi.
In natura ogni sostanza si presenta come una “miscela” di più isotopi.
Per l’uranio questa miscela è composta per il 99,3% da Uranio 238 e per lo 0,7% da Uranio 235.
A partire dall’uranio naturale, estraibile da giacimenti minerari, è possibile crearen in laboratorio, due metalli derivati: l’uranio arricchito (più radioattivo e contenente più isotopi di Uranio 235), e l’uranio impoverito (contenente meno isotopi di Uranio 235).
Per il suo elevato peso specifico, l’uranio impoverito trova impiego nell’industria civile per la costruzione di schermature per sorgenti altamente radioattive e come materiale di zavorra per aerei, elicotteri e barche a vela.
A questi usi civili dell’uranio impoverito si affianca la produzione militare di munizioni, proiettili e bombe. Data l’alta densità dell’uranio impoverito, le armi contenenti questo metallo possono perforare pesanti corazzature di carri armati e spessi muri di cemento armato.
L’uranio arricchito, più radioattivo, trova impiego nell’industria civile nel campo della produzione dell’energia elettrica, come combustibile per i reattori nucleari delle centrali atomiche.
Nelle sue applicazioni militari, l’uranio arricchito viene utilizzato come
massa di reazione per le bombe atomiche o come innesco per le bombe termonucleari”

Tratto dal testo integrale dell’inchiesta  Rai News “ Polveri di guerra, uranio a
Beirut” 18/01/2007

http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/18012007_polvere.asp 

Articolo pubblicato sul  quotidiano libanese  L’Orient Le Jour 27/02/2007 – attualita’ libanesi

http://www.flickr.com/photos/11349203@N02/1350728722/ http://farm2.static.flickr.com/1109/1350728722_9dc2868d2e_o.jpg

Guerra di luglio – Conferenza
del CNRS con differenti organismi scientifici

Gli esperti affermano che l’uranio trovato a Khiam e’ di origine  naturale  Una conferenza organizzata nella sede del Consiglio nazionale della Ricerca Scientifica  (CNRS) ha confermato ulteriormente, attraverso i numerosi interventi, che nessuna traccia di uranio impoverito, e’ stata rilevata nelle regioni bombardate dagli israeliani durante la guerra  di luglio-agosto contro gli Hezbollah.Sono intervenuti  rappresentanti dell’esercito, della Commissione nazionale  per l’energia atomica (AIEA),
del Programma delle Nazioni Unite  per l’Ambiente (PNUE)
…E’ stato dibattuto a lungo sul dubbio sollevato da un ministro in merito al cratere nel villaggio di Kiam, cratere che aveva provocato una vivace polemica, a causa della forte concentrazione  di uranio rilevata. Secondo i test recentemente  effettuati dalla Commissione  nazionale in collaborazione con l’AIEA e la PNUE, l’uranio trovato e’ allo stato naturale e non uranio lavorato e proveniente da un missile.

Il Presidente del CNRS, Georges Tohme’, che ha condotto il dibattito, ha ricordato che il CNRS e’ stato incaricato dal Consiglio dei Ministri per la Ricerca scientifica. I test sono stati effettuati dopo la guerra ed i risultati dello studio sono stati resi noti recentemente.

Il problema uranio a Khiam e’ stato esaminato da piu’ interventi, gli ultimi test sono frutto della collaborazione  tra piu’soggetti.  Didier Louvat, responsabile della prevenzione  contro i rifiuti radioattivi dell’AIEA, ha sottolineato che la sua Istituzione e’ rimasta in contatto con la Commissione  Nazionale per l’Energia Atomica dall’ agosto 2006 , che l’ha dotata di strumentazione per gli accertamenti e che ha ricevuto la sua relazione sulla situazione del terreno. “Secondo me, non ci sono indicazioni dell’utilizzazione dell’uranio impoverito in questo conflittto”.

Il Sig.. Louvat ha spiegato la differenza  tra i tre tipi di uranio: l’uranio naturale, ha detto, e’ una risorsa mineraria di grande valore commerciale, viene trattata per ottenere l’ossido di uranio, utilizzato come carburante  nucleare o arricchito per le industrie. L’arricchimento dell’uranio e’ un processo pesante, costoso e complicato richiedente  tecnologie sofisticate. Ora , ha continuato, quando si crea  qualche grammo di uranio, a partire, per esempio da un chilo di ossido di uranio, rimane quasi un chilo di uranio impoverito, che e’ un rifiuto, ma rimane  pesante e resistente. Per questo viene utilizzato a fini industriali o militari nelle munizioni. Questo uranio impoverito ha le stesse caratteristiche  e presenta gli stessi rischi potenziali dell’uranio naturale, ha aggiunto, i rischi sono limitati all’ingestione orale o all’ inalazione.

Nel suo rapporto recentemente pubblicato sulle conseguenze
del dopo-guerra richiesto dal Ministero dell’Ambiente, ha rammentato il suo direttore regionale, Habib al-Habre, che  il PNEU ha esaminato il problema uranio.

Mario  Burger, uno dei dodici esperti che ha lavorato al rapporto del PNUE, ha ricordato  che l’ispezione ha portato a 35 siti. Campioni sono stati prelevati in altri 27. Il Sig. burger ha spiegato che hanno proceduto  inizialmente    con una osservazione visuale che permette di rilevare le tracce delle diverse munizioni in un laboratorio specializzato in Svizzera.

I risultati di questo procedimento sul terreno, hanno dato agli esperti, la certezza  che l’uranio impoverito  non era stato utilizzato nei bombardamenti israeliani. Riferendoci all’inchiesta supplementare  che ha portato al sito di Khiam in particolare, ha precisato che campioni sono stati prelevati dal cratere  in prossimita’ della villa, a tutte le profondita’del cratere prodotto dall’esplosione
del missile. Nel basso di questo cratere e’ stato rilevato che  il tasso di uranio e’ molto superiore a quello rilevato in altri siti.

Il terzo a parlare di questa scoperta e’ stato Omar es-Samad, presidente della sezione della prevenzione radioattiva ecologica  presso la Commissione  nazionale dell’energia atomica. Ha assicurato che gli esperti della commissione  si sono affrettati a recarsi sui luoghi indicati e  lui stesso ha certificato, attraverso numerose prove scientifiche, che l’uranio trovato in quei siti era naturale e che la popolazione  non correva alcun rischio alla salute. Il Sig. Samad ha ricordato che  la commissione ha esaminato effettuando test  in 47 siti nelle regioni toccate dalla guerra. Bilal Nsouli, direttore della commissione, ha rammentato che questo era  l’organismo ufficiale incaricato  di disinnescare  questo genere  di materiale dannoso e che e’ stato contattato da numerosi responsabili municipali preoccupati, dopo la guerra,  dello stato delle loro licalita’.

Qual’e’ l’impatto dell’uranio impoverito sulla salute ? Questo aspetto e’ stato spiegato dettagliatamente da Hussein Abou Zeid, dell’ufficio  regionale dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), precisando che questo problema non si pone per il Libano in quanto nessuna traccia di uranio impoverito e’ stata trovata. Una ricerca in Irak, interrotto dall’invasione
americana  e dalle circostanze difficili attuali, era stata avviata da un’equipe dell’OMS.

Il Sig. Zeid ha stimato  che la correlazione  tra l’esposizione  all’uranio impoverito e la comparsa di tumori  e’ molto difficile da stabilire , e che il rischio e’ trascurabile. Ha precisato che  l’effetto chimico  poteva causare  casi di disfunzionamento renale. Inoltre  ha insistito sulla necessita’  di prevedere misure internazionali sull’utilizzazione dell’uranio impoverito.

Da parte sua, il capitano Roger Eid ha esposto le attivita’, dell’unita’ dei genieri dell’esercito libanese, che ha collaborato con piu’ organismi nelle analisi rigusrdanti le  munizioni. Le attivita’
del genio sono numerose: sminamenti, inchieste  su esplosioni, ispezioni di munizioni e di bombe non esplose, demolizione di palazzi, misssioni a carattere  socio-economico, unita’ di forze speciali e equipe di sommozzatori…

Il capitano Eid  ha precisato che  le ispezioni nelle zone dei combattimenti si sono moltiplicate dopo la guerra di luglio, senza contare una collaborazione con il CNRS, come pure la questione dei palloncini tossici di circa due settimane fa.

Infine M. Mahmoud Nassredine, direttore generale della commissione araba dell’energia atomica ha criticato gli esperti che fanno dichiarazioni alla stampa, senza essere affiliati a istituzioni aventi i mezzi di condurre inchieste approfondite sul terreno.

Servizio TV Rai News

“ Polveri di guerra, uranio  a Beirut” ore 8, 40
del 9/9/2007  il servizio e’ gia’ stato trasmesso  il 18 gennaio 2007

Uranio arricchito o impoverito?

I ricercatori Day Williams e Cris  Busby, assicurano di aver trovato tracce di uranio arricchito. Le analisi condotte da due diversi laboratori inglesi tra i quali Harwell, utilizzato dal ministero della Difesa, avrebbero rilevato la presenza di uranio arricchito, molto piu’ radioattivo, tra le macerie di
Beirut.

[…]

VOCE FUORI CAMPO
In un rapporto di laboratorio finora confidenziale gli scienziati svizzeri di Spiez ancora una
volta non confermano le analisi di Harwell.
Nella stessa acqua dove i britannici hanno trovato uranio arricchito i consulenti scientifici dell’UNEP trovano uranio naturale: Chris Busby
Non ho mai apprezzato il lavoro dell’UNEP, il Programma ambientale delle Nazioni Unite. Cercano sempre di minimizzare le prove della presenza di uranio. Lo hanno fatto nei Balcani. Sono stato in Kosovo con la Tv giapponese e ho misurato la presenza di uranio sul campo mentre l’Unep andava dicendo che non c’era traccia di uranio. VOCE FUORI CAMPO
Le esperienze precedenti come quella del Kossovo non possono essere dimenticate, sono già stati 44 i militari italiani che sono morti a causa di tumori o leucemia, attribuibili all inalazione di Uranio impoverito e sono centinaiai feriti.Chris Busby
Ora tutti riconoscono che l’uranio in realta’ c’era. Gia’ allora l’Onu ammise che l’uranio in Kosovo c’era ma l’UNEP invece organizzo’ una conferenza-stampa a Gineva per presentare un rapporto nel quale si diceva che non c’era uranio, che loro non l’avevano trovato. Questo dissero nel loro rapporto.
29.17[…] Chris Busby
Se c’e’ uranio nel Libano del Sud allora i contingenti delle nazioni unite saranno molto cauti prima di partire per il Libano..
Molti soldati delle Nazioni Unite hanno contratto la leucemia nelle loro missioni di peacekeeping nei Balcani. Ora non credo che vorrebbero andare un’altra
volta in un luogo dove c’e’ l’uranio… 

Le analisi
del ricercatore libanese Mohammed Ali Kobeissi portano a ritenere che si tratti di uranio impoverito.

Informazioni non ancora ufficializzate fanno ritenere che

Il rapporto UNEP (Programma Nazioni Unite per l’Ambiente) e’stato pubblicato a Berlino il 23 gennaio 2007.

Il testo integrale dell’ inchiesta di Rai News e i documenti si trovano ai sottoindicati indirizzi:

http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/18012007_polvere.aspTesto integrale dell’inchiesta –  

http://postconflict.unep.ch/publications/UNEP_Lebanon.pdfrapporto UNEP 

http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/documenti/unep_busby_22012007.pdfcontrodeduzioni Busby 


Lascia un commento

Lo stato del mare dopo la guerra del 2006

La marea nera, causata dall’esplosione della centrale  elettrica di  Jiyeh a seguito del bombardamento dell’aviazione israeliana durante la guerra dell’estate 2006 e’ la maggior preoccupazione dei bagnanti libanesi.

 Il direttore generale del ministero dell’ambiente sostiene che essendo un inquinamento ben visibile e’ evitabile e che i bagnanti possono quindi andare in qualunque spiaggia.

<img src=”http://farm2.static.flickr.com/1301/1101751990_2f32e4ce40_o.jpg” width=”480″ height=”640″ alt=”petrolio sugli scogli a Byblos ott 06″ /></a>

La marea nera ha lasciato il segno, in alcune spiagge il mare sembra pulito,   appena si mette un piede in acqua, lo si toglie con la pianta del piede completamente nera, sugli scogli ha lasciato un segno pesante  e ben visibile, in alcune spiagge sabbiose si e’ infiltrato in profondita. I rifiuti raccolti l’anno scorso, purtroppo sono stati abbandonati su alcune spiagge poco distanti dai bagnanti.

All’inquinamento causato dal petrolio, si aggiunge quello causato dagli scarichi che si riversano in mare. L’unico depuratore si trova a Ghadir (Beyrouth) ed e’ naturalmente insufficiente.

I mircroorganismi sono indicatori dell’inquinamento chimico marino, alcuni  sono spariti. Secondo gli scienziati la salute umana non e’ esposta a danni  imminenti, il tutto e’ legato alla quantita’ di esposizione all’inquinamento.