Libano

immagini e documentazione raccolta da quotidiani libanesi


Lascia un commento

Elezioni presidenziali – Ancora un rinvio al 12 gennaio 2008

 

Il 24 novembre 2007 e’ scaduto il mandato del presidente della Repubblica libanese Lahoud, non riescono a trovare un accordo,  Sleimane sembrava un candidato condiviso, una decina di rinvii stanno segnando queste elezioni. Il 29 dicembre era prevista una seduta per le elezioni, come sempre, come tutti ormai si aspettano, e’ stata rinviata al 12 gennaio.

Annunci


Lascia un commento

Attentato al Generale Francois Hajj

Generale Francois HajjGenerale Hajj

immagine dell'attentato 

 immagini della Rivista settimanale La Revue du Liban del 15-22 dicembre 2007

Oggi, scuole e universita’ chiuse, serrande dei vari negozi abbassate, a Harisa, si svolgono i funerali del generale Francois Hajj che ha perso la vita insieme al suo autista nell’attentato di Baabda di ieri 13 dicembre alle 7 del mattino.

Il Generale Hajj era capo sala operativa dell’esercito libanese.

L’attentato avviene in un momento cruciale della crisi libanese, dal 24 novembre 2007, data che segna la fine del mandato Presidenziale dopo nove anni di Emile Lahoud, il Libano vive un vuoto istituzionale. Le numerose trattazioni, visite dei vari ministri degli esteri, impegnati nella soluzione della crisi libanese, susseguirsi frenetico di incontri,  sedute e rinvii,  liste di candidati, finalmente sembrava che  si fosse trovato un candidato condiviso. Maggioranza e opposizione hanno trovato un accordo sul nominativo del Generale Michel Sleimane, Capo dell’Esercito libanese.

La maggioranza, coalizione del 14 marzo, inizialmente contraria, ha fatto propria la candidatura del Generale Sleimane e  anche l’opposizione, coalizione 8 marzo, sembrava  convinta della necessita’ di far accedere di far accedere l’attuale Capo dell’Esercito libanese alla Magistratura Suprema.

Per eleggere il generale Sleimane e’ necessario emendare
la Costituzione libanese e inoltre l’opposizione pone alcune condizioni, tra queste chiede di conoscere il nome del prossimo Primo Ministro, la ripartizione dei portafogli ministeriali e infine il nome del prossimo Capo dell’Esercito libanese.

Il Generale Francois Hajj sarebbe stato il sostituto del Generale Sleimane a Capo dell’Esercito libanese. 


La Revue du Liban del 15 22 dicembre 2007 pubblica una biografia  del Generale Francois Hajj

Chi e’ Francois  el-Hajj?

Coniugato, padre di tre figli: Jessica, Racha et Eli, Francois el-Hajj e’ nato il 28 luglio 1953 a Remeich (provincia/caza  di Bint Jbeil) nel Libano del Sud. Dopo aver sostenuto gli esami per il baccalaureato  si e’ arruolato nell’esercito il 13 novembre 1972 e come allievo ufficiale ha frequentato anche  la scuola militare.

Nel 1975 e’stato promosso  sottotenente. Ha svolto piu’ funzioni in seno all’istituzione militare e dopo aver percorso tutte le tappe della carriera militare, dal  25 febbraio 2002 rivestiva la carica di capo  sala operativa.

Il Generale Francois el-Hajj e’ sfuggito ad un primo attentato nel Libano del sud. Rifiutatosi di collaborare con l’occupante israeliano, e’ fuggito negli anni 70 dalla regione  di frontiera ed ha raggiunto Beirut dove si e’  distinto per le sue imprese  sui campi di battaglia, in particolar modo  a Souk el-Gharb.

Militare dal percorso irreprensibile, ha supervisionato lo spiegamento dell’Esercito libanese nel sud del Libano e recentemente ha guidato le operazioni di Nahr el-Bared.

Avendo una perfetta conoscenza della lingua inglese, francese, araba e italiana, ha seguito piu’ sessioni formative in Francia Italia e negli Stati Uniti.

Tra le numerose medaglie con cui e’ stato decorato, spiccano quella di Cavaliere, di Ufficiale e Comandante dell’Ordine dei Cedri,
la Medaglia al Merito libanese e la medaglia militare onorifica d’argento. E’ stato promosso Generale di Stato maggiore  a titolo postumo.


Lascia un commento

Esplosioni a Beirut

Esplosione a Baabda 

Ieri sera un messaggio di Libancall alle ore 21.17 segnalava una esplosione a Sin el Fil.

Questa mattina  alle 7,05 una forte esplosione a Baabda, quartiere cristiano a est di Beirut, ha provocato 4 morti e numerosi feriti.

Baabda e’ un quartiere dove hanno sede numerose ambasciate e soprattutto il Palazzo Presidenziale.


Lascia un commento

Elezioni presidenziali – nuovo rinvio

CPL

Berry aggiorna la riunione parlamentare a lunedi’… ma Aoun non vuole che si arrivi ad una soluzione prima dell’anno prossimo.

 i tre presidenti

Di rinvio in rinvio, le presidenziali rinviate alle calende greche.“Non resteremo con le braccia incrociate di fronte alla politica ostruzionista dell’opposizione” afferma Hariri. Senza sorprendere troppo, la seduta parlamentare per l’elezione di un  nuovo Presidente e’ stata rinviata al 17 dicembre, ha annunciato a sera tarda, l’Ufficio del Presidente della Camera, Nabih Berry.  

L’annuncio di questo ottavo rinvio, ha seguito la pubblicazione  di un comunicato  della maggioranza parlamentare, che aveva assicurato che non si sarebbe recata alla Camera  ad assistere alla seduta prevista per oggi, l’obiettivo e’ denunciare il ricatto politico esercitato dall’opposizione.

Alla fine, nel pomeriggio,  il Generale Aoun aveva gia’ quasi scartato per la data odierna  la possibilita’ di una seduta.

A credere al proposito  del capo della “Courant Patriotique Libre”,  Generale Aoun, che ha invitatato tutti ad occuparsi piuttosto delle feste di fine anno, si puo’ legittimamente pensare che  nessuno sblocco della situazione sara’ possibile prima dell’inizio del prossimo anno, se non, addirittura, come affermano alcuni osservatori, prima della primavera.

Tanto piu’che l’opposizione, continua ad accusare il Governo Siniora di “ illegalita’” e rifiuta di   legittimare un emendamento che dovrebbe passare per il Serraglio.

Questa situazione ha portato il deputato Saad Hariri ad affermare  che il “14 marzo” (raggruppamento di maggioranza) non restera’ con le braccia incrociate di fronte alla politica ostruzionista dell’ “8 marzo” (raggruppamento dell’opposizione).

Apparentemente, nemmeno l’opposizione si asterra’, poiche’ il sito della Corrente aounista, ha annunciato ieri che manifestazioni di sostegno al Generale Aoun, “di cui la CPL non e’ responsabile”, stanno per essere organizzate  in direzione di Rabieh, mentre il pretesto del mugugno sociale, potra’ permettere nei prossimi giorni, ai componenti dell’”8 marzo” di appropriarsi della strada.

L’Orient Le Jour 11 dicembre 2007


Lascia un commento

Siti web

Giornali/Riviste 

Quotidiano L’Orient Le Jour www.lorientlejour.com

Settimanale La Revue du Liban www.rdl.com.lb

Settimanale L’Hebdo Magazine www.magazine.com.lb

Mensile The Monthly www.information-international.com

Quotidiano online http://www.nowlebanon.com/Default.aspx

Turismo

Beirut Map www.beirutmap.com

Pagine gialle www.yellowpage.com

Siti governativi:

www.lebanon-tourism.gov.lb

www.General-security.gov.lb

www.surete-generale.gov.lb

Assistenza sanitaria 

Assistenza sanitaria a domicilio www.homecarelebanon.com

Universita’

American University www.aub.edu.lb

La Costituzione

http://www.nowlebanon.com/Sub.aspx?ID=32038#preamble


Lascia un commento

Il Generale Michel Sleimane

Generale SleimanePotrebbe essere  lui il nuovo Presidente della Repubblica libanese.

Coniugato  e padre di tre figli, il Generale Michel Sleimane e’ nato nella citta’ costiera di Jbeil (Biblos) il 21 novembre 1948. Nell’istituzione militare e’ entrato  nel 1967 ed e’ diventato il Comandante dell’Esercito libanese nel 1998.

Rispettato, viene presentato come una persona integra, in grado di  ridare fiducia ai libanesi, e’ considerato come uno tra i candidati  piu’ seri alla magistratura suprema , malagrado la sua candidatura esiga l’emendamento della Costituzione.

Segnato dal ritiro israeliano dal Sud del Libano nel 2000, il suo mandato e’ stato ugualmente testimone dell’aggressione israeliana  contro il Libano  nel 2006 e dei feroci combattimenti di Nahr el-bared che ha visto opporsi l’esercito  libanese ad un gruppuscolo terrorista nato da al-Qaeda, Fateh  el-Islam.

Il suo rifiuto di reprimere  i sollevamenti popolari del 14 marzo 2005, la sua neutralita’ e la sua decisione di mantenere l’istituzione militare lontana dalle divisioni politiche  e dai contrasti interni e la sua intransigenza nell’affrontare gli integralisti islamici gli hanno procurato una popolarita inconfutabile.

Anche se il polo del 14 marzo  (la maggioranza parlamentare) diffida di lui a causa del suo rifiuto di impedire e di reprimere le manifestazioni del 23 gennaio 2007, sembra abbia cambiato posizione e deciso di sostenere la sua candidatura dopo averlo inizialmente escluso dalla corsa alle presidenziali.

 Fonte: La Revue du Liban 4134 del 1-8 dicembre 2007


Lascia un commento

Elezioni presidenziali – Il Generale Michel Sleimane sembra sia il candidato consensuale

Queste elezioni sono state piu’ volte rinviate per mancanza di un candidato consensuale, il  prossimo appuntamento per queste elezioni  e’ il 7 dicembre.

Sembra che si sia trovato un consenso sulla candidatura del Generale  Michel Sleimane. Per poter eleggere il Generale Sleimane e’ necessario emendare la Costituzione in quanto Sleimane e’ il Comandante Capo dell’Esercito e per motivi di sicurezza del Paese sara’ possibile farlo. per emendare la Costituzione e’ necessario il quorum dei due terzi, conformemente all’art. 77, 10 deputati della maggioranza dovranno indirizzare una petizione richiedendo l’emendamento dell’art.49, “per una sola volta e in caso eccezzionale”.[…] Potrebbero esserci degli intoppi, l’emendamento richiede  la controfirma del Governo Siniora al quale l’opposizione si ostina  a negare la legittimita’.

L’opposizione impone alcune  condizioni  per l’elezione del Generale Michel Sleimane. Tra le condizioni poste c’e il rifiuto alla nomina di Saad Hariri a  Primo Ministro,  la richiesta di conoscere il nominativo del sostituto di Sleimane come Capo dell’Esercito.

L’Orient Le Jour 3 dicembre 2007